Focus

Cerca Azienda

Ricerca Avanzata

Cerca Prodotto

Ricerca Avanzata
News

26/03/2019   Stagione invernale 2019: il brand Hörmann protagonista sulla neve

Domenica 24 marzo sono terminatele competizioni a livello mondiale di cui il Gruppo Hörmann è stato sponsor nella stagione invernale. Specializzata nel settore delle chiusure civili e industriali, l'azienda ha infatti sostenuto anche quest’anno alcune discipline sportive invernali, sponsorizzandola BMW IBU World Cup nonché i campionati del mondo di biathlon,ilTorneo dei quattro trampolinie la quarantesima edizione della Coppa del mondo di salto con gli sci.

Stefan Gamm, direttore comunicazione e marketing del Gruppo Hörmann, ha dichiarato: “Le attività di sponsorizzazione sportiva sono un elemento cardine della nostra comunicazione, in quanto ci permettono di implementare la notorietà dell’azienda, associando il nostro brand a tutti quei valori positivi ed etici che da sempre contraddistinguono lo sport. Il nostro impegno a sostegno delle discipline invernali completa in maniera strategica le sponsorizzazioni attivate da tempo in ambito calcistico, permettendoci tra l’altro una visibilità durante tutti i periodi dell’anno”.

25/03/2019   BricoBravo fa business in Germania e Austria

“Aprirsi a nuovi mercati è un passo importante che ci riempie di soddisfazioni e nuove aspettative – spiega Alessandro Samà, CEO di BricoBravo-il consumatore tedesco ha una propensione all’e-commerce di gran lunga superiore a quello italiano e ci aspettiamo una penetrazione significativa nel mercato di riferimento”. Dopo il sito francese, online da poco più di un anno, è la volta dunque di de.bricobravo.com, gli utenti tedeschi avranno a disposizione tutti i servizi per gli altri paesi, dalle promozioni fino ai pagamenti rateali.

22/03/2019   Dfl ottiene il “Cribis Prime Company”

Il riconoscimento CRIBIS Prime Company è il massimo livello di valutazione dell’affidabilità commerciale di un’organizzazione ed è rilasciata solo ed esclusivamente ad aziende che mantengono costantemente un’elevata affidabilità economico-commerciale e sono virtuose nei pagamenti verso i fornitori.

"Tale attestato ci rende estremamente orgogliosi, non solo perché viene assegnato mediamente solo al 3% delle aziende italiane, ma soprattutto perché è frutto della professionalità di tutti i nostri dipendenti e collaboratori, che con il loro impegno e professionalità rendono la DFL sempre più un’azienda proiettata verso il futuro".

20/03/2019   Ottimi risultati per la raccolta fondi di Bricofer Italia a favore di “Trenta Ore per la Vita”

Bricofer Italia S.p.A. conferma, con un assegno di 40.000 euro raccolto grazie al prezioso contributo di clienti e dipendenti, il suo impegno sociale a sostegno del “Progetto Home” di Trenta Ore per la Vita. L’importo raccolto, è stato consegnato, presso la sede direzionale di Bricofer, il 13 marzo 2019 al socio-fondatore e testimonial dell’Associazione Lorella Cuccarini. Per dare il suo sostegno a questa nobile causa, Bricofer ha invitato i propri clienti a donare in cassa. Simbolo del contributo donato: una pallina di Natale solidale marchiata Bricofer. Bricofer, sempre attenta verso le tematiche sociali, rinnova con questa importante iniziativa solidale il proprio messaggio di solidarietà e ringraziano tutti i clienti che hanno accolto positivamente l’invito a donare, rendendo così possibile il conseguimento di questo ottimo risultato.

19/03/2019   BTicino Living Now e Legrand Keor Mod vincono l’iF Design Award 2019

BTicino e Legrand sono tra i vincitori dell’edizione 2019 dell’iF DESIGN AWARD. Living Now, la nuova linea civile che unisce il meglio della ricerca estetica alle più avanzate tecnologie smart, e gli UPS modulari Keor Mod di Legrand sono stati selezionati nella categoria Prodotto - Building Technology.

Living Now ha conquistato la giuria composta da 67 esperti indipendenti provenienti da tutto il mondo grazie alla sua capacità di trasformare un impianto elettrico tradizionale in un impianto smart. Realizzata da BTicino in collaborazione con Netatmo, società specializzata in soluzioni smart per la casa e recentemente acquisita dal gruppo Legrand, la nuova linea connessa consente di governare le principali funzionalità dell’impianto elettrico: luci, tapparelle, energia, in modo intelligente, anche da remoto. Le funzioni smart di Living Now sono gestibili con i comandi wireless, con uno smartphone, tramite l’App Home + Control, e con gli assistenti vocali di Amazon, Apple e Google. Living Now può essere inoltre installata con la soluzione domo- tica MyHOME_Up BTicino.

Grazie all’unione tra design e soluzioni tecniche all’avanguardia, anche l’UPS modulare Keor MOD di Legrand si è aggiudicato il premio nella categoria Building Technology. L’equilibrio coerente tra il forte impatto visivo, innovativo per un segmento di stretto ambito professionale, e gli elevati valori tecnologici, hanno colpito la giuria. Anche l’impiego di colori chiari e superfici riflettenti è stato indotto dall’osservazione che contribuiscono a limitare l’illuminazione ambientale e a ridurre i consumi in un’ottica green. Disegnati da Legrand Design in Francia e sviluppati, ingegnerizzati e prodotti da BTicino in Italia, gli UPS Keor Mod sono la soluzione ideale per le applicazioni critiche.

La competizione è stata intensa: quest’anno sono state presentate oltre 6.400 candidature provenienti da 50 paesi, nella speranza di ricevere il sigillo di qualità.

18/03/2019   Würth Locker: delivery h24

Da marzo Würth ha lanciato due grosse novità sulla sua rete di punti vendita, entrambe centrate sulla possibilità di ritirare i prodotti senza limiti di orario.

La prima riguarda l’apertura 24/7 del punto vendita di Mules (Bz). Grazie a un sistema di riconoscimento elettronico, il cliente può recarsi in negozio anche negli orari notturni e rifornirsi della merce di cui ha bisogno, in piena autonomia. A ciascun utente verrà consegnata una tessera nominativa, una sorta di badge che permetterà solo a chi ne è dotato l’accesso al negozio. Una volta entrato, il cliente potrà prelevare gli articoli dagli scaffali e recarsi presso la postazione installata ad hoc, dove scansionarli e ritirare la bolla. Il punto vendita h24 di Mules è solo il primo di una serie di negozi che verranno aperti e che funzioneranno con lo stesso principio di base. “Si tratta di una formula che integra perfettamente tecnologie innovative e commercio stazionario per soddisfare le nuove esigenze di acquisto dei nostri clienti e garantire loro merce sempre disponibile” afferma Harald Santer, responsabile commerciale e membro della direzione generale di Würth Italia.

La seconda novità riguarda il lancio dei Würth Locker, distributori automatici che permettono di ritirare la merce ordinata all’esterno del punto vendita, a qualsiasi ora, in qualsiasi giorno. Questa modalità di delivery nasce per rispondere alle esigenze d’acquisto di quei clienti che godono di minore flessibilità oraria e garantire un servizio di approvvigionamento efficiente, veloce e sicuro.

 

Il consumatore potrà effettuare l’ordine direttamente presso il punto vendita, telefonicamente o via e-mail. Non appena la merce acquistata verrà depositata all’interno del locker, riceverà un sms di conferma in tempo reale con un codice per l’autorizzazione al ritiro.

 

A questo punto, basterà recarsi presso il Würth Locker scelto e ritirare la merce dallo sportello in cui è stata depositata, utilizzando il codice ricevuto. Ogni Locker può essere aperto soltanto tramite il codice individuale, in modo da effettuare il ritiro in piena sicurezza.

 

I primi Würth Locker verranno installati presso 7 store del Trentino Alto-Adige, rispettivamente a Egna, Bolzano, Merano, Bressanone, Arco, Rovereto e Trento.

14/03/2019   Knauf a Made Expo 2019: la casa del domani sarà leggera!

La casa del futuro presentata a Made, nel cui contesto le tecnologie Knauf sono inserite, adotta una struttura leggera in acciaio, novità assoluta nel settore. Questo metodo costruttivo si basa sull’impiego di scheletri portanti con profili pressopiegati in acciaio, prodotti in stabilimento e assemblati in cantiere in tempi molto rapidi. Sulla struttura portante dell’edificio così realizzata si innestano poi le tecnologie Knauf per realizzare pareti esterne e interne con stratigrafie a secco in grado di garantire resistenza e isolamento termoacustico al modulo abitativo.

Le soluzioni che Knauf ha portato a Made Expo, all’avanguardia e capaci di offrire vantaggi di ogni tipo, sono già alla portata di chiunque perché fanno parte della nostra normale offerta.” Sottolinea Damiano Spagnuolo, Marketing & Product Manager Knauf Italia, che così conclude:. “Le soluzioni Knauf per l’edilizia leggera sono ideali per essere integrate in ogni tipo di edificio, offrendo soluzioni in grado di risolvere problemi come il consolidamento sismico o l’adeguamento a norma di edifici esistenti come la costruzione di nuovi. Tutto sempre in linea con i principi di sostenibilità ambientale e di utilizzo di materiali green che da sempre ispirano l’azione di Knauf”.

13/03/2019   Amazon aprirà una catena di supermercati

Amazon si prepara ad aprire una catena di supermercati negli Usa. A riferirlo è il Wall Street Journal, che cita fonti vicine al dossier. Il primo dovrebbe essere inaugurato a Los Angeles forse già entro la fine del 2019 per seguire con altre aperture all’inizio del prossimo anno. La nuova catena dovrebbe essere, comunque, distinta da questi e non è ancora chiaro se porterà il nome Amazon. San Fancisco, Seattle, Chicago, Washington e Philadelphia sono altre città in lizza. In una seconda fase, Amazon potrebbe anche metter nel mirino alcune catene regionali per espandere più rapidamente i suoi nuovi supermercati. Nel 2017 Amazon ha speso quasi 14 miliardi di dollari per acquistare la catena di supermercati "bio" Whole Foods, che si caratterizza per avere un'offerta di prodotti di fascia alta.

12/03/2019   Sonepar Italia acquisisce Elettroveneta

Sonepar Italia, azienda protagonista nella distribuzione di materiale elettrico in Italia e controllata dal gruppo multinazionale francese Sonepar, ha siglato l’accordo per l’acquisizione dell’intero capitale sociale di Elettroveneta SpA. La ratifica del contratto sarà soggetta all’approvazione da parte dell’Antitrust, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in Italia.

Sonepar Italia è attiva sul territorio dal 1988, attualmente opera con una rete di 100 punti vendita e 1.500 collaboratori, il suo fatturato 2018 supera i 600 milioni di euro. Elettroveneta è stata fondata nel 1979 a Padova, ha chiuso il 2018 con un fatturato superiore ai 200 milioni di euro, conta 700 collaboratori nel Triveneto, in Emilia Romagna, nelle Marche, in Abruzzo e in Molise, dove opera con 49 punti vendita. In Abruzzo è presente tramite la controllata Ferri Com. A Padova opera con H2A, azienda attiva nella distribuzione idrotermosanitaria.

11/03/2019   Manodvisor: la live chat per i bricoleur

ManoMano.it, l'e-commerce europeo di fai da te e giardinaggio in Europa, lancia il nuovo servizio di esperti online “Manodvisor”. Un sistema di live chat dedicato a tutti gli utenti che vogliono un’esperienza di acquisto online sempre più completa e in linea con le loro esigenze e a tutti gli appassionati bricoleur che vogliono trasformare la loro passione in un lavoro a tempo pieno.

 L’ultimo studio condotto da Nexive sull’andamento dell’e-commerce nel mondo dimostra che l’acquisto online sta diventando una pratica sempre più diffusa in Italia: il 42% degli italiani dichiara di acquistare online una volta al mese, il 39% una volta a settimana. Tuttavia, secondo l’ultimo Total Retail di PWC, il consumatore preferisce fare acquisti in negozio e il 73% degli italiani sostiene che sia fondamentale avere un contatto diretto con assistenti alla vendita preparati sull’intera gamma prodotti.

Proprio per rispondere a queste crescenti esigenze, ManoMano ha attivato il servizio di Manodvisor, una live chat di esperti disponibile per i clienti tutti i giorni, 24 ore su 24. La presenza effettiva media, ad oggi, è dalle 8.00 alle 22.00 circa, con un obiettivo di ampliamento nel corso del 2019; le richieste fuori dalle fasce garantite vengono comunque coperte nel corso delle ore successive (entro 24 ore). Avviato in Italia a fine 2018, ad oggi il servizio conta quasi 100 esperti a livello europeo e prevede una crescita dei Manodvisor italiani del +100% entro la fine dell’anno. I Manodvisor rispondono, oltre che in chat e via e-mail, anche tramite telefonate dirette. Grazie a questo servizio, l’esperienza di acquisto online diventa più completa: i clienti che usufruiscono del servizio possono chiedere consigli e caratteristiche tecniche agli esperti del settore, che sono in grado di garantire all’utente un’esperienza d’acquisto personalizzata e un’assistenza a 360°.

Intelligente ed emotivo?

02/09/2015

Su quali aspetti lavorare per sviluppare la propria Intelligenza emotiva? Oggi iniziamo un viaggio alla ricerca della propria intelligenza emotiva; un percorso a puntate utile da seguire e da far seguire anche a collaboratori e colleghi.

Avere un talento speciale non basta per riuscire a sviluppare con gli altri rapporti convincenti e gratificanti. Occorre anche saper gestire le proprie emozioni.
Daniel Goleman, docente di psicologia ad Harvard e collaboratore scientifico del New York Times, ha sicuramente aperto una nuova frontiera negli studi sull’intelligenza umana dimostrando come, accanto alle facoltà intellettive di carattere razionale, l’uomo disponga di un’altra importante risorsa: l’Intelligenza Emotiva. L’attenzione degli studiosisi era infatti principalmente concentrata sull’Intelligenza Cognitiva, per misurare la quale si utilizza ancora oggi ampiamente il cosiddetto Quoziente di Intelligenza (Q.I.). Esso corrisponde al rapporto età mentale/età reale moltiplicato per 100. Le persone con valori tra 85 e 115 sono considerate dotate di un’intelligenza normale. Quelle con valori superiori a 115 sono considerate dotate di un’intelligenza superiore, mentre quelle con valori inferiori a 85 avrebbero invece un deficit intellettivo. Tuttavia, dopo un lungo dibattito sull’attendibilità di queste misure gli psicologi americani sembrano giunti ad una grande svolta: hanno infatti constatato che non sempre ad un Q.I. superlativo corrispondono grandi successi nella vita. E infatti, il primo della classe non sempre è anche il primo nella vita.

Tradizionale e emotiva

Nel mondo della vendita sono pochi quelli che hanno creduto che il Quoziente di Intelligenza fosse correlato con la capacità di concludere contratti. Vendere, infatti, è un’attività squisitamente emozionale basata non solo su ciò che si dice, ma anche su come lo si dice; oltre che sul fatto che i clienti cambiano non solo nel tempo cronologicamente inteso, ma anche a seconda delle circostanze, dello spazio e perfino del tempo meteorologico. Goleman sostiene che - le persone più intelligenti (nel senso tradizionale del termine) non sono sempre quelle con cui lavoriamo più volentieri e con cui facciamo amicizia -. E infatti, quante persone assunte sulla base dei classici test di intelligenza si sono poi rivelate inadeguate alle esigenze del lavoro che andavano a svolgere? E importante valutare altri fattori come l’autocontrollo, l’empatia e l’attenzione verso gli altri e la capacità di leggere la gente.

Sapersi adattare

A differenza di quella tradizionalmente intesa, l’Intelligenza Emotiva è estremamente duttile e permette all’individuo di adattarsi alle più diverse circostanze. Ecco perché molti studiosi la ritengono responsabile dell’intero cammino evolutivo dell’uomo. È infatti con l’Intelligenza Emotiva che possiamo gestire efficacemente gli stress generati da un ambiente ostile, difficile da decifrare e in continua mutazione. Essa ci permette di gestire la nostra emotività per dirigerla verso le direzioni più vantaggiose.
Citando ancora Goleman, - è la capacità di capire i sentimenti degli altri, al di là delle parole, che spinge alla ricerca di benefici duraturi piuttosto che al soddisfacimento degli appetiti più immediati -. Ma quello che più importa e conforta è che l’Intelligenza Emotiva si può apprendere e perfezionare imparando a riconoscere e gestire le proprie emozioni e quelle degli altri.

Come riconoscerla

La capacità di riconoscere un’emozione per quello che è, nel momento in cui si presenta. La capacità di gestire l’umore. Molti degli stati che costituiscono la nostra vita emotiva tendono a dominarci completamente, mettendo in atto ogni sorta di automatismi e di reazioni. La rabbia, tanto per fare un esempio, è una condizione emotiva assai difficile da controllare. Non è un caso che si parli, anche nel linguaggio comune, di attacchi di rabbia o di crisi di collera. Soffocare le emozioni o, peggio ancora, negarle non è il modo migliore per impedire loro di dominarci. Un momentaneo stato di rabbia, se soffocato, può lentamente trasformarsi in uno stato di ansia permanente. D’altra parte non possiamo neppure abbandonarci alle nostre emozioni come se fossimo ancora dei bambini: in quanto esseri sociali dobbiamo in qualche modo sempre rendere conto del nostro comportamento davanti a chi ci circonda. L’Intelligenza Emotiva ci insegna appunto a gestire queste emozioni concedendo loro il diritto di cittadinanza della nostra vita, mettendo in atto una serie di filtri verbali che ci permettono, quantomeno, di comunicarle agli altri. Ammettendo esplicitamente che una determinata circostanza provoca in noi rabbia portiamo alla luce quanto di tenebroso si agita dentro di noi. Verbalizzandolo, gli conferiamo quella forma che lo rende condivisibile e comunicabile. In luogo di un attacco devastante e distruttivo abbiamo così un’emozione legittima, dotata di una causa e di una finalità. Da qui è possibile procedere oltre, cercando di individuare che cosa essa ci insegna a proposito del nostro modo di relazionarci agli altri.

Automotivazione

Durante una selezione per la compagnia di assicurazioni americana Met Life lo psicologo Martin Seligman dell’Università di Pennsylvania suggerì di assumere un particolare gruppo di persone che, pur avendo ottenuto risultati deludenti nei normali test attitudinali, avevano conseguito un eccellente punteggio in un test sull’ottimismo. Il gruppo in questione venne messo a confronto con alcuni venditori che avevano superato brillantemente il test attitudinale, ma si presentavano con un carattere decisamente pessimista.
I risultati si rivelarono sorprendenti:
gli ottimisti riuscirono infatti a sopravanzare i pessimisti nelle vendite del 21% nel primo anno e del 57% nel secondo.

Il venditore-consulente pessimista interpreta infatti i rifiuti pensando: - Sono una catastrofe, non riuscirò mai a vendere questo prodotto -.
Gli ottimisti, di fronte alla stessa esperienza, reagiscono positivamente: - Posso imparare qualcosa anche da questo rifiuto. Evidentemente il metodo che ho adottato non è corretto -. L’ottimista inoltre è abbastanza motivato per la visita successiva. La predisposizione a una visione positiva, che genera comportamenti positivi, può essere congenita ma, con l’esercizio e l’impegno, anche un pessimista può imparare a pensare con più positività e speranza.

Controllo degli impulsi

Questa capacità può essere sviluppata con l’esercizio e l’esperienza. Di fronte a una tentazione improvvisa, possiamo ricordarci dei nostri obiettivi a medio-lungo termine. La gestione positiva dei rapporti interpersonali, cioè la capacità di capire come si sentono gli altri sia nella vita che nel lavoro. A tale proposito è di grande interesse una ricerca condotta dalla Carmege-Mellam University e dalla Bell, azienda dove si concentrano tecnici e ricercatori con Q.I. ai massimi livelli. La ricerca ha potuto mettere in evidenza come gli individui di successo disponessero di una rete di relazioni molto estesa. Ciò permetteva loro di affrontare i problemi che si determinavano nella loro attività professionale mettendo in moto la loro rete di relazioni per approdare rapidamente a soluzioni convincenti. Mentre i colleghi più dotati intellettivamente, ma anche più isolati socialmente, non erano in grado di reagire con altrettanta prontezza e con la stessa efficacia.

Prime conclusioni

Possiamo fissare alcuni punti che possono aiutarci sin d’ora a riflettere su come e dove agisce l’Intelligenza Emotiva.

1        Ai fini del successo nella vita l’Intelligenza Emotiva è più importante di ciò che si apprende nelle scuole e nelle università.

2        L’economia, il mondo degli affari non hanno tanto bisogno di geni con un alto quoziente di intelligenza quanto, soprattutto, di individui dotati di Intelligenza Emotiva.

3        Il tipo di intelligenza che la scuola e le istituzioni culturali in genere creano non è affatto, di per sé, una garanzia di successo.


Torna indietro

Condividi: facebook Invia per E-mail stampa Più
Share on Google+ Share on LinkedIn
Aziende in evidenza
Prodotti in evidenza
Sondaggio
Fiere & Eventi
ISTANBUL HARDWARE FAIR

ISTANBUL HARDWARE FAIR

Dal 14 al 17 marzo 2019

Istanbul Expo Center - Atatürk Airport against 34197 Yesiköy

Turchia

MECSPE

MECSPE

Dal 28 al 30 marzo 2019

Fiera di Parma - Viale delle Esposizioni 393A

Parma

LES JOURNÉES DE COLLECTIONS DU JARDIN

LES JOURNÉES DE COLLECTIONS DU JARDIN

Dal 2 al 4 aprile

Parc Chanot - 114 Rond-Point du Prado Marsiglia

Francia

 
In edicola
iFerr Magazine
IFERR © 2014 Partita IVA: 12022601004 Powered by Intempra Intempra